Archivi tag: malware android

Test Anti-Malware “Non Positivo” Per Android 4.2 Jelly Bean

Xuxian Jiang, ricercatore dell’università statunitense della North Carolina, ha negli ultimi giorni sottoposto l’ultima versione del sistema operativo Android ad una prova di perforabilità anti-malware, attraverso la quale desiderava verificare la capacità dello stesso di individuare e rimuovere con successo i malware.

Il test in questione ha chiamato Android 4.2 Jelly Bean a fronteggiare oltre 1200 malware con l’aiuto di un tablet Nexus 10, sul mercato da fine Ottobre 2012. Solo 193 malware (poco più di 15% del totale) sono stati rilevati correttamente, molto meno di quanto fatto da altri applicativi di sicurezza (offerti da Symantec, Kaspersky, AVG, ecc. e presenti sul Play Store a pagamento o gratis) che hanno pienamente superato il 50% del totale.

Test-Anti-Malware-Non-Positivo-Per-Android-Jelly Bean

Il risultato della verifica rappresenta più di un semplice campanello d’allarme per il nuovo Android, rilasciato di recente con un aggiornamento per i supporti Nexus.

Le falle relative al sistema di verifica della versione 4.2 della piattaforma, attivata per riconoscere e bloccare le applicazioni in grado di danneggiare il dispositivo informando della cosa l’utente che può scegliere se considerare o ignorare l’avvertimento proseguendo con l’attività già iniziata, sono troppo frequenti per essere considerati come casi isolati.

La recente acquisizione di VirusTotal da parte di Google, avvenuta poco più di 3 mesi fa, sembra avere come fine ultimo quello di risolvere una volta per tutte questo genere di situazioni, cancellando le minacce di vulnerabilità che non paiono voler abbandonare il tanto bistrattato sistema Android.

Il buon senso consiglia, naturalmente, di non avventurarsi in download di applicazioni per Android da siti web “dubbi” in quanto questi ultimi rappresentano il più facile ricettacolo di infezioni per i sistemi informatici, non solo made in Google.

Molto spesso la voglia di “risparmiare” a tutti i costi, o meglio di contravvenire alle regole, porta ad effettuare download “rischiosi” di applicazioni dal costo davvero irrisorio, mettendo in questo modo a rischio un intero sistema informatico.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Attacchi Informatici/Crimine Informatico, Phishing & Malware, Privacy, Sicurezza Connessioni, Sicurezza Mobile

SMSZombie.A, Un Malware Attenta Android

Dall’estremo Oriente giunge notizia di una nuova minaccia che ha come obiettivo la sicurezza dei dispositivi mobili, in particolare di Android. Oltre mezzo milione dei diffusi smartphone in utilizzo in Cina risultano essere stati infettati, nel corso delle ultime ore, da un nuovo pericoloso malware chiamato SMSZombie.A.

SMSZombie.A, Nuovo Pericolo Per Android

SMSZombie.A, Nuovo Pericolo Per Android

A dare l’allarme e’ stata, nel corso delle ultime ore, TrustGo, societa’ impegnata nel garantire la sicurezza dei piu’ recenti telefoni cellulari, che all’interno del suo sito web spiega come rimuovere il virus dalle versioni 2, 3 e 4 di Android. A detta di alcuni tecnici informatici il processo risulta piuttosto complicato, in quanto una volta autoinstallatosi il malware acquisisce i requisiti di amministrazione del terminale e provvedere a disattivare i comandi che potrebbero rimuoverlo con successo dal sistema.

SMSZombie.A rappresenta, al momento, una minaccia confinata ai soli Android in utilizzo in Cina, anche se certamente il clamore suscitato dalla notizia portera’ a considerare con ulteriore attenzione l’adozione di un moderno antivirus. Nascosto in applicazioni che permettono agli utenti di scaricare sfondi “sexy” per lo sfondo del proprio smartphone, si attiva non appena questi contenuti vengono scaricati e installati con successo.

Per effetto della sua sola presenza a sistema SMSZombie.A addebita, attraverso il sistema di pagamento del leader del mercato China Mobile, il costo previsto per alcuni giochi online, chiaramente a totale insaputa del possessore del dispositivo mobile contagiato.

L’azione ingannevole del malware SMSZombie.A causa:

  • il prelievo di ridotte somme in denaro dal conto dell’utente finale;
  • l’intercettazione e la copia degli SMS in entrata e in uscita dallo smartphone, alla ricerca di dati sensibili che possano tornare utili ai cybercriminali.

Lascia un commento

Archiviato in Phishing & Malware, Sicurezza Connessioni, Sicurezza Mobile