Archivi tag: barra verde

Certificati SSL GeoTrust, Uno Sguardo A Qualità Ed Affidabilità

GeoTrust, nel settore della certificazione digitale dei dati e delle comunicazioni online, viene universalmente considerato il marchio ideale per coloro i quale desiderino rispondere ai bisogni di sicurezza informatica, ma che allo stesso tempo non possano permettersi di  spendere somme esorbitanti.

Il noto marchio californiano, difatti, offre al mercato digitale certificazioni SSL di alto livello (a volte, come nel caso di True BusinessID + EV, con la ben nota e ricercata barra verde di sicurezza) diverse alternative per porre il proprio sito web o server  di posta elettronica sicuro da eventuali attacchi informatici, giorno dopo giorno sempre più delicati e particolari.

Certificati SSL GeoTrust, Crittazione Sicura E A Buon Mercato

Certificati SSL GeoTrust, Crittazione Sicura E A Buon Mercato

Diamo uno sguardo, brevemente, alla tipologia di certificati Secure Socket Layer più diffusi in Rete e contraddistinti dal marchio GeoTrust:

  • QuickSSL Basic: certificato SSL che permette crittazioni a 256 bit, estremamente sicuro ed emesso in maniera istantanea attraverso un controllo via posta elettronica (Domain Validation, DV). Questa tipologia di prodotto non consente l’accesso sicuro da smartphonetelefoni cellulari, tablets, ecc.
  • QuickSSL Premium: certificato SSL a 256 bit, anch’esso prodotto ed inviato dopo una breve e semplice verifica via posta elettronica (Domain Validation, DV). Adatto per proteggere connessioni che nascono da dispositivi mobili, il certificato digitale in questione consente di aggiungere in maniera gratuita sino a 3 server aggiuntivi (SANs), sottodomini di primo livello facenti riferimento al nome dominio per il quale viene emessa la soluzione.
  • True BusinessID: certificato SSL che consente di criptare i dati fino a 256 bit, adatto a connessioni effettuate attraverso dispositivi mobili (cellulari, ecc.). L’emissione del certificato, in questo caso, prevede una verifica da parte dell’Autorità di Certificazione (GeoTrust stessa) in merito alla Società titolare del dominio per il quale il prodotto è stato richiesto.

  • True BusinessID Wildcard: certificato SSL opportuno per tutti quei gestori di siti internet che desiderino proteggere il sito internet e tutti i sottodomini di primo livello che ad esso fanno riferimento. Un certificato SSL Wildcard, se emesso per *.domino.it, consente di proteggere tutti i sottodomini di dominio.it, quali ad esempio server1.domino.it, server2.dominio.it e via dicendo. La soluzione è particolarmente indicata, inoltre, per coloro i quali intendono proteggere server di posta elettronica (webmail) e per chi prevede il sito internet venga visitato attraverso connessioni con dispositivi mobili. Infine, il prodotto prevede un’ampia verifica per tutto ciò che concerne il dominio e la Società che lo possiede.

  • True BusinessID + EV: certificato SSL di categoria Extended Validation (EV), per l’emissione del quale si prevede un processo di verifica ancora più lungo e particolare di quello previsto per gli altri certificati True  BusinessID sopra citati. La particolarità di questa certificazione è data dalla presenza della cosiddetta barra verde (“green bar”), che permette alla barra d’indirizzo di assumere una particolare colorazione verde (o blu, dipendentemente dal browser che si utilizza per navigare). Il certificato SSL True BusinessID + EV consente di proteggere le connessioni anche allorquando avvengano da parte di dispositivi mobili.

In definitiva GeoTrust rappresenta una valida alternativa a “buon mercato” per praticamente l’intero spettro di bisogni di tutela che un gestore di un sito internet e/o che una società di e-commerce possa avere. Sicurezza Digitale consiglia, comunque, di verificare con il proprio rivenditore di certificati SSL la tempistica di emissione prevista in maniera tale da evitare di trovarsi di fronte a situazioni spiacevoli ed attese tendenti a protrarsi nel tempo.

Lascia un commento

Archiviato in Certificati SSL, E-Commerce, Recensioni

Certificazioni SSL EV, Tanto Preziose Quanto Rare

SSL Pulse, all’interno della sua ampia attività di ricerca relativa alla sicurezza online, si è dedicata allo studio della categoria di certificati SSL più avanzata sul mercato, le versioni Extended Validation (EV).

Con l’acronimo EV si indicano tutte quelle certificazioni SSL ad alto livello di sicurezza richiedenti, prima di poter essere emesse, il positivo compimento di un processo di identificazione manuale presieduto dall’Autorità di Certificazione (CA) responsabile del rilascio della stessa, destinato ad identificare e accertare qual’è la società titolare del dominio in questione (“è reale?”, “è affidabile?”, ecc.).

I certificati SSL Extended Validation rappresentano, indubbiamente, l’evoluzione più sorprendente e decisa nel panorama della sicurezza digitale, anche grazie all’introduzione della “green bar” (“barra verde”), visualizzata all’interno delle barre d’indirizzo dei principali browser in uso sul web.

Certificati SSL EV Con Barra Verde

Certificati SSL EV Con Barra Verde

Affinché un certificato SSL EV possa essere emesso le Autorità Certificanti (sarebbe meglio specificare, in realtà, che questo tipo di verifica è posto in essere da Autorità Certificanti attendibili) provvedono a controllare pedissequamente le informazioni societarie (anagrafica, nome del registrar del dominio, ecc.) presenti all’interno della richiesta e quelle contenute sui registri online che riuniscono i dati relativi ai domini registrati, anche detti WHOIS. In Italia il registro più conosciuto ed attendibile per i domini che terminano con la dicitura “.it” è nic.it, mentre per i domini “.com” si consiglia di consultare who.is.

Registro WHOIS Su WWW.NIC.IT

Registro WHOIS Su WWW.NIC.IT

Registro WHOIS Su Who.Is

Registro WHOIS Su Who.Is

Il team di Sicurezza Digitale, considerata l’esperienza personale di alcuni suoi componenti, intende sottolineare che la tempistica di emissione di questa tipologia di certificati SSL è, indubbiamente, il lato più negativo di un prodotto assolutamente consigliabile a chi intende essere un “numero uno” su Internet, specialmente per quanto concerne l’e-commerce. E’ bene sapere, prima di acquistare una certificazione digitale di questo tipo, che prima di poter essere emessa necessita di più di 7 giorni per la raccolta dei documenti societari da fornire alla CA in questione, visto che gli stessi sono solitamente esaminati con cura minuziosa (e, permetteteci il termine, un certo puntiglio a volte irritante 😉 ). Sempre per esperienza personale, effettuate l’ordine dopo aver controllato sui registri online che il nome dell’organizzazione sia quello che desiderate appaia sulla barra d’indirizzo del certificato, visto che non sono possibili successive modifiche!

Ferma restando la necessità, per chiunque si occupi di e-commerce, di richiedere ed installare un certificato SSL Extended Validation sul server di riferimento, veniamo ai dati resi noti da “Trustworthy Internet Movement”.

Diffusione Delle Certificazioni SSL EV "Barra Verde" (SSL Pulse, 2012)

Diffusione Delle Certificazioni SSL EV “Barra Verde” (SSL Pulse, 2012)

Solo il 7,8(circa 15.000 dei quasi 200.000 domini oggetto di indagine online) risulta possedere un certificato SSL con barra verde, in grado di rispondere in concreto alle necessità di sicurezza sempre più percepite come reali da parte di chi vive giorno dopo giorno di commercio elettronico. E’ lecito attendersi una massiccia introduzione di questa tipologia di certificazioni SSL a partire dai prossimi mesi, anche per via della ferma intenzione delle più rinomate CA relativamente agli investimenti che verranno posti in essere in futuro per la sicurezza digitale.

Lascia un commento

Archiviato in Certificati SSL, EV/Extended Validation, SSL Pulse