Temere I Pericoli Di Internet: E’ Facile Smettere Se Sai Come Farlo

La stragrande maggioranza dei genitori con figli adolescenti (spesso, ormai, ancora più giovani) avrà già esternato diverse volte, più o meno apertamente, la difficoltà di comunicare con loro nelle poche ore lasciate libere dal lavoro. E’ probabilmente superfluo sottolinearlo; le “nuove” tecnologie hanno assunto un ruolo di primo piano nelle vite di tutti, figli compresi. Se da una parte i ragazzi recriminano quanto poco i propri genitori siano in grado di capirli, dall’altro questi ultimi si sentono smarriti rispetto alla crescita di alternative di comunicazione che la propria prole ha, sottolineando l’atroce difficoltà di comprendere al meglio il funzionamento di questi canali dovendo evitare di turbare la privacy dei propri figli.

La mancanza di dialogo tra generazioni, seppur la distanza anagrafica non sia spesso così elevata, causa da parte dei genitori un crescente risentimento nei confronti di quelle che rappresenterebbero, con la giusta attenzione e preparazione dal punto di vista della conoscenza e della sicurezza, opportunità solitamente gratuite di crescita ed apprendimento. Il compito non è sicuramente facile, ma merita certamente più di un tentativo per individuare la strada giusta da percorrere.

Il punto di partenza può essere, sicuramente, la volontà di superare i pregiudizi esistenti nei confronti della Rete, dei social media e di tutto quello che sembra “rubare” l’attenzione delle nuove generazioni. Nessuno strumento è di per sé buono o cattivo; la validità dello stesso è determinata dall’utilizzo che se ne fa. Una maggior consapevolezza di quello che Internet & Co. possano regalare a genitori e figli, unitamente e individualmente considerati, può scaturire dalla lettura di un interessante volume, edito da Hoepli e scritto dalla giovane psicologa sanremese Laura Bissolotti e dal consulente informatico Mauro Ozenda, intitolato “Sicuri In Rete“.

All’interno delle 234 pagine che compongono il libro i due autori spaziano all’interno di questo vasto scenario, evitando affermazioni che possano demonizzare la realtà virtuale in quanto tale, ma consigliando effettive tipologie di approccio da implementare all’interno della propria famiglia. Tra gli argomenti più interessanti è bene citare una digressione relativa al funzionamento dei social media e del “web moderno”, l’analisi di come la preparazione scolastica possa beneficiare dell’uso di Internet e consigli utili su come proteggere i dati trasmessi in Rete e le comunicazioni da tentativi di phishing.

pagina-sicuri-in-rete

Una pagina interna di “Sicuri In Rete”

Il testo pone i propri contenuti nella terra di mezzo che divide psicologia ed informatica, dimostrando quanto i 2 ambiti possano andare a braccetto senza snaturarsi, a patto che gli approcci descritti vengano vissuti e compresi liberi da preconcetti e assunzioni di sorta. Incredibilmente per alcuni, il web può aiutare a colmare quel gap storico tra genitori e figli, rappresentando un’opportunità di svago e informazione sicura per internauti dai 3 ai 99 anni 🙂

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Facebook, Google+, Klout, Phishing & Malware, Privacy, Recensioni, Social Media & Network

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...